I wanna dance with somebody, Whitney Houston

3 anni (più o meno), New York City

 

  • “Me talk pretty one day” – David Sedaris

La terza volta che sono tornato a New York sono andato a vivere in casa sua. Mi è venuto a prendere in aeroporto e mi ha portato a casa, quando sono entrato nella stanza ha preso questo libro dalla sua libreria e mi ha detto “Vorrei farti diventare  uno di qui”.

  • Le All Stars Bianche

Sono tornato a casa, dove vivevamo insieme e ho trovato un pacco sul tavolo. Il biglietto diceva “Get ready! xx”. Nella scatola c’erano queste scarpe.

Alle 6.30 pm mi citofona, aveva noleggiato una macchina; ha guidato tutta la notte senza dirmi dove fossimo diretti, alle 5 am eravamo alle cascate del Niagara, alle 8 abbiamo fatto colazione a Toronto.

  • Il bicchiere di Bubba’s Gump

Era il ristorante dove lavorava la nostra coinquilina, a Times Square, io ci andavo in continuazione, sia perché lavoravo lì vicino, sia perché lei mi faceva un notevole sconto (NY’s a bitch), sia per i gamberi panati nel cocco, deliziosi. Alla fine quel ristorante gli ricordava talmente me che ha deciso di festeggiarci il suo compleanno, mentre io ero tornato a Roma, per potermi mandare le foto.

  • La bandierina arcobaleno

L’abbiamo presa al Pride di New York. Il mio primo Gay Pride, il mio ultimo giorno a New York. Lui neanche voleva venirci, ce l’ho trascinato.

Il giorno dopo sveglia presto, abbiamo fatto colazione insieme, ci siamo salutati e io ho preso la metro per andare in aeroporto. È stata l’ultima volta che ci siamo visti.

  • Qualcosa in più

Avere un ragazzo a distanza è abbastanza impegnativo, avere un ragazzo dall’altra parte del mondo con sei ore di fuso orario è veramente uno strazio. Però, l’intensità con cui leggi i messaggi che ti arrivano, o quella scarica che ti parte quando esci dal gate all’aeroporto, sono immense.

  • Cosa vorresti dirgli?

È stato bello, bellissimo, molto complicato. Lo rifarei diecimila volte, ma sono contento che sia finita.

Valuta il tuo partner:

3/5

  • Soundtrack:

 

Be the first to comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *