Krafty, New Order

4 mesi, Catanzaro

 

  • Il legno di Bali 

I suoi avevano un negozio di artigianato etnico. Ci lavorammo insieme, per un mese dell’estate 2005. O meglio: lei ci lavorava. Io, anche se facevo la mia parte, volevo solo stare con lei. I primi sguardi, il primo bacio, i primi soldi guadagnati e spesi male. Tutte cose che sono rimaste. Come il legno di Bali: a distanza di quasi 10 anni, la mia stanza è un tempio balinese.

– 

  • L’iPod 

Lamezia-Roma, Roma-Amsterdam, Amsterdam-Bali. 20 ore totali. Per l’occasione mi regalò un iPod. Ascoltammo The Killers, Bloc Party, My Bloody Valentine e altra roba teen in shuffle, condividendo le cuffie per tutto il viaggio. Il significato delle canzoni, però, non l’abbiamo mai condiviso. Che ci vuoi fa’: ragazzi.

  • Il contratto

Quasi dieci anni più tardi mi manda una lettera. Il motivo della lettera è un contratto. Dove mi chiede di fare un figlio. Noi due, un figlio, ma in libertà: senza stare insieme. L’ha visto in un film, dice. Magari no, dico.

  • Qualcosa in più

Siamo stati la prima volta l’uno per l’altro. Anche se quando è accaduto non stavamo già più insieme. Era finita ma ci accordammo come per assecondare i vincoli contrattuali (funzionato una volta, funzionerà ancora, pensava lei) delle promesse, delle canzoni e delle lettere di qualche lunghissimo mese insieme.

  • Cosa vorresti dirle?

Dovresti mangiare di meno.

  • Valuta il tuo partner: 2/5

  • Soundtrack:
Be the first to comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *