Nascondigli per I cani, Eva mon amour

2 estati e 1 primavera e mezzo, Pisa

  • Maglietta del concerto di Giovanni Truppi
    Ho scoperto la musica di Giovanni Truppi grazie a lui. Buona parte di quelle canzoni sembravano parlassero di noi. Uno dei concerti lo andammo a vedere insieme. Ci fermammo a mangiare da qualche parte e arrivammo in ritardo di una decina di minuti, ma non importava. Il concerto per noi iniziò sulle note di “scomparire”. La ricordo ancora come una delle serate più dolci mai passate insieme.
  • Lettera
    Quella lettera arrivò in uno dei periodi in cui avevamo deciso di non vederci più. Mi sforzavo di credere che sarebbe stato definitivo però, senza dircelo, continuavamo a incontrarci nei sogni. Quando presi la busta dalla cassetta delle lettere qualcosa mi diceva che era arrivata troppo tardi. Dopo averla letta mi resi conto che era così: odiai avere ragione.
  • La federa che non c’è (più)
    Un volta per farsi perdonare una delle tante “marachelle” che gli piaceva farmi subire mi fece fare un gioco; un percorso sensoriale ad occhi bendati. Vinsi una federa con un disegno romantico. Una la diede a me e una la tenne per sé, per dormire insieme anche quando eravamo distanti. L’ultimo giorno gliel’ho restituita. A me è rimasto il cuscino. Era già mio.
  • Libro
    Gli promisi che gli avrei letto qualche episodio dal “Don Chisciotte” prima di addormentarsi, ma poi non ci fu il tempo, non ci fu… non… a volte va così. Quel romanzo è la metafora perfetta per la nostra storia. Io vedevo i sogni, le speranze, le avventure, isole da conquistare… e lui, beh, a lui piaceva l’idea. Per un po’ ha provato a seguirmi ma, in realtà, non ci ha mai capito niente.
  • Qualcosa in più
    Se avessimo avuto la forza di portare sulla Terra il legame che abbiamo avuto chissà dove, a quest’ora staremmo vivendo la storia più bella di sempre… quel “se” fa la differenza.
  • Cosa vorresti dirgli?
    Ho smesso da un pezzo di dialogare con me sulle cose da dirti. E il riassunto di quei monologhi solitari è questo: penso tu sia un codardo, a volte mi manchi, ma da quando non sei più nella mia vita io sto meglio. Questo mi basta.
  • Valuta il tuo partner: ND
  • Soundtrack:
Be the first to comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *